• Costi e Consigli

    I costi delle terapie sono in linea con quelli vigenti, a parità di qualità ed esperienza.

    E’ sempre fonte di grande confusione per il pubblico interpretare eventuali differenze di costo. Ecco quindi alcune informazioni utili per scegliere accuratamente il professionista giusto.

    I costi variano prima di tutto da trattamento a trattamento: la diagnosi del problema e la complessità o meno della sua soluzione sono quindi il primo fattore.  La qualità dei materiali e delle strutture chirurgiche utilizzate sono poi l’altra importantissima variabile dell’equazione.

    L’esperienza del team, pur essendo il fattore fondamentale per l’eccellenza del risultato finale, in un sistema di “libero mercato” e concorrenzialità, contribuiscono paradossalmente meno ad elevare i costi.

    E’ vero però il contrario: il professionista inesperto o non qualificato può essere competitivo solo con i prezzi, non certamente con la qualità dei suoi trattamenti, anni di esperienza e uso di strutture in cui potrebbe non essere nemmeno accreditato a lavorare.

    E’ interessante notare, quindi, come alla fine i prezzi di uno specialista di prestigio ed esperienza, con cui si può instaurare un armonico rapporto personale di fiducia, non sono poi molto dissimili da quelli presso organizzazioni “franchise” con generico personale, spesso poco esperto ma sempre anonimo, e gli ovvi pericoli. Queste, sfuggendo alle regole di un albo medico ed alle ancor più importanti regole di etica, utilizzano informazioni pubblicitarie false e fuorvianti.

    Diffidare sempre, quindi, quando i costi sono più bassi della media, perché questi sono di regola un segnale di una qualche “scorciatoia” ai danni della sicurezza e della qualità, con rischi gravi per il paziente.  Ci si riferisce anche all’ultima infausta “moda” della chirurgia in paesi lontani, non certo celebri per l’eccellenza del loro sistema  clinico-chirurgico e di ricerca. Pensare di risparmiare rinunciando al fondamentale contatto con il proprio chirurgo (perchè si ignora chi realmente sia in sala operatoria, o perchè troppo distante geograficamente) nei delicati mesi successivi ad un intervento, è un atto di irresponsabilità.

    Diffidare anche quando le terapie suggerite differiscono sensibilmente tra professionista e professionista.

    Anche se siamo in un settore “frivolo” della medicina, esistono protocolli scientifici seri e la terapia e benessere del paziente non sono una variabile opinione personale.

    Se desiderate informazioni accurate ed approfondite sulla singola terapia vi consigliamo il sito dell’organizzazione più illustre del mondo, l’American Society of Plastic Surgeons, al www.plasticsurgery.org